“Un milione di europei a Kiev per la pace”

Il Mean, Movimento europeo di azione non violenta, vuole promuovere una grande catena umana che porti in Ucraina un milione di europei come corpi di interposizione all’aggressore russo. Una boutade? “La vera boutade è pensare di risolvere questa guerra con le armi”, ci dice Angelo Moretti, portavoce del Mean nell’intervista che riportiamo per intero. Leggi tutto qui.

Immagine tratta da https://www.zerostelle.it/popolo2.html#gsc.tab=0

Esiste ancora un popolo?

Abbiamo ricevuto tra i commenti all’articolo Un popolo senza casa l’accorato testo che segue. Apprezziamo ogni posizione argomentata e ogni critica, se civile e meditata (oggi così raro sui social). Pertanto lo riportiamo quale articolo, con, a seguire, la nostra risposta.

A questo link leggi:
Lorenzo Colonna Preti, Non esiste più il popolo cattolico. Questo il vero problema
e a seguire
Emanuele Polverelli, Un popolo ancora (r)esiste. Io e te lo siamo costruendo

Un popolo senza casa

Tra pochi giorni saremo chiamati a votare. Un voto che la stragrande maggioranza degli italiani avrebbe volentieri evitato. 

In una recente redazione allargata di Presente.info si è descritto il grande risultato che l’Italia ha ottenuto in questi anni terribili: una coesione di intenti, una capacità di “tenere la strada” in mezzo ad eventi terribili che avrebbero potuto causare pericolosi derapage, un popolo che ha mantenuto capacità di solidarietà. Non a caso il nostro paese è in una fase di sorprendente crescita, malgrado i rovesci parlamentari.

(Continua a leggere)

La gentilezza è un programma politico

Reagisco all’articolo “No a una campagna bellicista, gli italiani vogliono l’unità”, di recente pubblicato su Presente.info, permettendomi un breve commento.
Dopo la parentesi del governo Draghi siamo ripiombati in campagna elettorale; al clima caratteristico della competizione politica in Italia siamo peraltro abituati, purtroppo non solo durante le settimane in cui essa tecnicamente si svolge, ma praticamente sempre, anche nella vigenza di tanti governi succedutisi nel tempo. Rimane l’amarezza per la parentesi di cui sopra, troppo breve, in cui almeno in parte ci erano stati risparmiati i toni da perenne gara elettorale da parte dei protagonisti della scena politica: il “miracolo” dell’unità, come ben descrive l’articolo citato.

(Continua a leggere)

Una seduta del Parlamento italiano
“L’Europa a Roma – Celebrazioni del Parlamento italiano” by Montecitorio is licensed under CC BY-ND 2.0.

No a una campagna bellicista
gli italiani vogliono l’unità

La caduta del governo Draghi ha creato sconcerto e sgomento nel popolo italiano. A gran parte della gente sono sfuggiti i motivi reali di una crisi nel bel mezzo dell’estate, proprio mentre il governo stava profondendo lo sforzo maggiore per varare le riforme che hanno risollevato l’immagine dell’Italia agli occhi del mondo.
Così il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha dovuto sciogliere le camere in anticipo e chiamare gli italiani a insolite elezioni settembrine. Lo scenario di un’astensione in massa degli elettori, disorientati dagli eventi e impossibilitati a comprenderne le ragioni anche a causa di un tempo limitatissimo per la composizione delle liste e per la campagna elettorale, è più che probabile.
Nelle reazioni che si sono succedute tra i commentatori italiani e stranieri ha prevalso una sorta di disillusione nei confronti non solo della politica nazionale, ma anche del popolo italiano che la esprime: si denuncia una democrazia malata, che da troppo tempo si fa illudere da demagoghi di secondo rango, salvo destituirli bruscamente nell’arco di nemmeno una legislatura, quando alla prova dei fatti essi si rivelano incapaci di mantenere le promesse che li avevano portati al potere.
Non ci si sofferma a considerare invece il fatto che gli italiani abbiano espresso un consenso amplissimo al governo di unità nazionale e al Presidente Mattarella che lo ha ideato, non solo per il prestigio di Mario Draghi, ma proprio per l’unità raggiunta tra l’ampia maggioranza dei partiti che lo hanno sostenuto.

(Continua a leggere)


Il Card. Konrad Krajewski prega davanti a una fossa comune tra Borodjanka e Bucha in Ucraina

N. 3 La missione sacrilega di Putin

Noi europei, e in particolare noi italiani, non riusciamo più a leggere gli avvenimenti se non con gli occhi dell’economia. Perciò ci sembra folle la guerra dichiarata da Putin all’Ucraina, non solo perché sta mietendo migliaia di vittime tra gli aggrediti e tra gli aggressori, ma anche perché ha avuto come risultato immediato l’ulteriore indebolimento… leggi di più

Vai alla rivista


Chris Donahue ultimo soldato americano lascia Kabul

N. 2 – L’Apocalisse è finita, ridateci una missione

Il fotogramma notturno dell’ultimo soldato americano che lascia l’aeroporto di Kabul il 31 agosto 2021 rimarrà nella storia come l’epilogo tragico di un ventennio folle. Biden ha voluto che il ritiro delle truppe Usa dall’Afghanistan avvenisse prima dell’11 settembre, con evidente intento simbolico. Le guerre senza fine leggi di più

Vai alla rivista


“the HUMANs in APRIL” by suRANTo dwi saputra is marked with CC0 1.0

N. 1 – Il mondo è ancora malato. Dateci la vita eterna

In questi giorni il mondo fa i conti con il proprio destino. Da un lato non si riesce ad uscire dall’incubo Covid, dall’altro mancano le energie per affrontare con forza la minaccia del riscaldamento del pianeta. Sono oramai due anni che il Coronavirus flagella i popoli ad ogni latitudine e ancora non lo si può dire sconfitto. Nonostante le massicce misure sanitarie messe in atto nei paesi avanzati, il virus rispunta da ogni dove, anche per colpa della miopia di chi non ha voluto liberalizzare in tempo i brevetti dei vaccini.. leggi di più.

Vai alla rivista